Crea sito
TOP

TU SEI PIETRO……

TU SEI PIETRO ….

 

Matteo 16:18 E anch’io ti dico: tu sei Pietro, e su questa pietra edificherò la mia chiesa, e le porte dell’Ades non la potranno vincere.

Matteo 16:19 Io ti darò le chiavi del regno dei cieli; tutto ciò che legherai in terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai in terra sarà sciolto nei cieli».

Matteo 16:20 Allora ordinò ai suoi discepoli di non dire a nessuno che egli era il Cristo.

 1) L’APOSTOLO PIETRO FONDAMENTO E CAPO 

                       DELLA CHIESA  DI CRISTO ?

 

 

             L’insegnamento della Chiesa Cattolico Romana

 

Il Papa è successore di San Pietro nella Sede di Roma e nel primato , ossia nell’Apostolato ed Episcopato universale ; quindi il capo visibile , Vicario di Gesù Cristo capo invisibile di tutta la chiesa , la quale perciò si dice Cattolico Romana

( Articolo del Catechismo della Dottrina Cristiana pubblicata per ordine di S.S. Pio X Capo vi , 113 )

“ Il Papa è il Vicario di Cristo , Cristo è presente nella Sua Chiesa  è il capo di essa , ma è invisibile : Egli ( Cristo ) quindi ha voluto scegliere Pietro ed i suoi successori , che facessero sulla terra le sue veci ( di Cristo ) . A Pietro soltanto Egli ha detto “: Tu sei Pietro  e su questa pietra io edificherò la mia Chiesa , e le porte dell’inferno non prevarranno contro di essa . Ed io darò a te le chiavi del regno dei cieli : Tutto ciò che avrai legato sulla terra , sarà legato nei cieli ; e tutto ciò che avrai sciolto sulla terra sarà sciolto nei cieli “

 

La Chiesa è l’edificio , Pietro ne è il fondamento ed è colui che ne ha le chiavi , ossia è il capo supremo . Egli ha il primato sopra gli altri Apostoli “ .

( Mons. Francesco Oliati prof. Dell’Università Catt. del Sacro Cuore : il Sillabario del Cristianesimo  pagine 212 , 213 )

Ecco l’insegnamento della Chiesa Cattolica Romana , appoggiato, come abbiamo visto sul passo di Matteo 16:18 .

Ma esaminiamo ora questo passo da vicino .

                              

 

                 PIETRO NON E’ LA ROCCIA

 

Il testo del Vangelo di Matteo come di tutto il Nuovo Testamento è in greco . E’ quindi il greco e non il latino ( Traduzione della Vulgata di Girolamo ) che fa d’autorità nel definire il senso esatto delle parole del Nuovo Testamento.

Il testo greco dice :

Tu ei Petros , kai epi taùte te pètra oikodomeso mu ten ekklesian

 

Il latino della Vulgata dice :

Tu es Petrus ,  et super hanc petram aedificabo ecclesiam meam

 

La parola greca pètros ( sasso ) è tradotta con Petrus che in latino non ha alcun significato , non esiste , anzi avrebbe dovuto essere trodotta con saxum ( che significa sasso ) , e la parola pètra del testo greco , poi , è stata tradotta in latino con il significato di pietra , mentre avrebbe dovuto essere tradotta roccia , rupe .

Riguardo alla differenza tra “ petros “ e petra , è bene notare il passo del vangelo di Giovanni 1:42 , dove Gesù dice a Pietro “ Tu sarai chiamato Cefa che significa pietra, il testo greco adopera la parola pètros , cioè sasso e non petra  ( pietra , roccia ).

La parola greca petra ( roccia ) è usata anche in 1° Corinzi 10 : 4

“ E tutti bevvero la stessa bevanda spirituale , perché bevevano alla roccia ( petra ) spirituale che li seguiva , e la roccia ( petra ) era Cristo “ .

La traduzione greca del vangelo di Matteo 16:18 è :

 “ su ei petros (un sasso ,  una pietra ) kai epi tautè tè petra

( grande roccia )  oikodomèsò mou tèn ekklèsian ..

                           Traduzione letterale italiana

Tu sei una pietra e sopra questa roccia edificherò la mia chiesa

Il testo greco è tale , quindi , che non si può identificare Pietro come  il fondamento della Chiesa .

    “Tu sei Pietro e sopra questa pietra ( petra : pietra , grande   

      roccia ) io edificherò la mia chiesa “ ( Matteo 16:18 )

 

                       CHI  E’ IL FONDAMENTO ?

Interroghiamo la Bibbia , senza lasciarci guidare della nostra fantasia :

 

Gesù nel vangelo di Luca 20:17 a 18 ,

cita il versetto 22 del Salmo 118 “ La pietra che i costruttori hanno rifiutato , è quella che diventata pietra angolare ? “  ( versione Nuova riveduta )

Gesù lo applica a se stesso .

Dopo avere interrogato Gesù , andiamo da Pietro , chi meglio di lui ,al quale furono rivolte quelle parole , potrà spiegarcele e dirci chi è la pietra ?

              ASCOLTIAMO L’APOSTOLO  PIETRO :

 

Pietro dichiara in Atti 4:11 ; 12Egli è la pietra che è stata da voi costruttori rifiutata ed è diventata la pietra angolare , in nessun altro è la salvezza ; perché non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato agli uomini , per mezzo del quale noi dobbiamo essere salvati “

Pietro nella sua prima lettera al cap. 2 versetto 4 e 7 ribadisce questa affermazione “ Accostandovi  a Lui, pietra vivente , rifiutata dagli uomini , ma davanti a Dio scelta e preziosa ,anche voi come pietre viventi , siete edificati per formare una casa spirituale , un sacerdozio santo , per offrire sacrifici spirituali , graditi a Dio , per mezzo di Gesù Cristo, infatti, si legge nella scrittura : “ Ecco io pongo in Sion una pietra angolare scelta , preziosa e chiunque crede in essa non resterà confuso , per voi dunque che credete essa è preziosa , ma per gli increduli “ la pietra che i costruttori hanno rigettata è diventata la pietra angolare “

 

 

                          GESU’ E’ LA PIETRA

 

 

               ASCOLTIAMO ORA L’APOSTOLO PAOLO

 

Paolo scrivendo agli Efesi al 2 vesetto 20 dice “ Siete stati edificati sul fondamento degli apostoli e dei profeti , essendo Cristo Gesù stesso la pietra angolare “

Paolo scrivendo con la prima lettera ai Corinzi cap. 3 versetto 11

Dichiara “ Poiché  nessuno può porre altro fondamento oltre a quello già posto , cioè Cristo Gesù “.

 

 

 S. Agostino , nel trattato sulla 1° Epistola di Giovanni  , afferma :

“ Cosa vuol dire “ Su questa pietra edificherò la mia chiesa “ ?

Vuol dire  :” Su questa fede ,  su quello che hai detto :” Tu sei il Cristo , il Figlio dell’ Iddio vivente “ ( Matteo 16:16 )

In altre parole , Pietro ha fondato la sua fede forte ( come una pietra ) sulla roccia stabile e incrollabile che è Cristo Gesù .

Gesù Cristo ha fondato la chiesa su se stesso perché lui è la roccia  e noi siamo pietre viventi per formare l’edificio eterno : la Chiesa di Cristo

   “   LE CHIAVI DEL REGNO DEI CIELI “    Matteo 16:19

       

        SONO LA PREDICAZIONE DEL VANGELO         

 

Come si può intendere questo passo ? Vuol dire che a Pietro fu conferito da Gesù il potere di assolvere o condannare , a seconda dei casi ,  i peccatori ?  

Anche questo cercheremo di comprenderlo con la Bibbia alla mano .

Sempre nel vangelo di Matteo al capitolo 23 versetto 13

Leggiamo :” Ma guai a voi scribi e farisei , ipocriti perché serrate il regno dei cieli davanti alla gente ; poiché non vi entrate voi , né lasciate entrare quelli che cercano di entrare “

Anche i farisei avevano allora le chiavi del regno dei cieli e la facoltà di chiudere o aprire l’accesso perdonando o no i peccati , come si pretende che l’abbia ricevuta Pietro ? Si comprende bene ciò che Gesù intende dire “ Voi con il vostro insegnamento , rendete impraticabile , al popolo l’entrata nel regno dei cieli “

 

E nello stesso senso è detto nel libro degli Atti degli Apostoli

al cap. 14 verso 27 : “ Giunti là e riunita la chiesa , riferirono tutte le cose che Dio aveva compiuto per mezzo di loro , e come aveva aperto la porta della fede agli stranieri  “

La predicazione del Vangelo e della grazia di Dio , l’annuncio della salvezza in Cristo è pervenuta alle genti , anch’esse sono state messe nella possibilità di accettare la Salvezza in Cristo Gesù e di entrare nella Grazia attraverso la porta aperta da Dio stesso :” Giustificati dunque per fede ,abbiamo pace con Dio per mezzo di Gesù Cristo , nostro Signore , mediante il quale abbiamo anche  avuto , per la fede , l’accesso a questa grazia nella quale stiamo fermi , e ci gloriamo nella speranza della gloria di Dio “ ( Romani 5:1 e 2 )

 

 

 

 

Chi è la PORTA  che ci introduce nella “ grazia di Dio “?

Apriamo il Vangelo di Giovanni cap. 10 versetto 9Io sono la Porta : se uno entra per me ,sarà salvato ,entrerà ed uscirà ,e troverà pastura

 

Sempre nel Vangelo di Giovanni cap. 14 versetto 6 , Gesù dice “ Io sono la Via , la Verità , e la Vita , nessuno viene al Padre se non per mezzo di me

L’ Apostolo Pietro nel libro degli Atti cap. 4 versetto 12 ci conferma :

In nessun altro è la salvezza , perché non vi è sotto il cielo, nessun altro nome , che sia stato dato agli uomini , per mezzo del quale, noi dobbiamo essere salvati “

L’Apostolo Pietro , con la predicazione del Vangelo , nel giorno della Pentecoste , aprì  la porta della fede , presentando Gesù il Salvatore che ci introduce nella grazia di Dio ( Atti capitolo 2 )

 

Fu di nuovo Pietro , dietro la spinta di Dio ad aprire la porta del regno dei cieli ai pagani , quando annunziò il Vangelo al centurione Cornelio

( Atti cap. 10 ) .

 

“ TUTTO CIO’ CHE AVRAI LEGATO SULLA TERRA SARA’ LEGATO NEI CIELI , E TUTTO CIO’ CHE AVRAI SCIOLTO IN TERRA , SARA’ SCIOLTO NEI CIELI “  ( Matteo 16:19 )

 

Questa dichiarazione fu fatta non solo a Pietro ne ai suoi Apostoli , ma a tutti i discepoli , cioè al gruppo di persone che avevano  creduto nel Signor Gesù e costituivano il principio della Chiesa .

Nel Vangelo di Matteo capitolo 18 versetto 1 , vediamo che Gesù parla con i discepoli , e nel versetto 18 Gesù dice esattamente le parole rivolte a Pietro , è cioèIo vi dico in verità che tutte le cose che legherete sulla terra , saranno legate nel cielo, e tutte le cose che scioglierete sulla terra , saranno sciolte nel cielo “

Così anche nel Vangelo di Giovanni al cap. 20 versetti 21 a 23  , Gesù si rivolge ai suoi discepoli “ Allora Gesù disse loro di nuovo “ Pace a voi ! Come il Padre mi ha mandato , anch’io mando voi” . Detto questo soffiò su di loro e disse :” Ricevete lo Spirito Santo . A chi perdonerete i peccati , saranno perdonati  , a chi li riterrete , saranno ritenuti “.

Il Potere di “ legare o sciogliere “  di   “ perdonare o ritenere “ non è stato dato solo a Pietro o agli Apostoli o ai conduttori delle Chiese , ma a tutti i credenti , e non può quindi riferirsi affatto al “ Sacramento della Penitenza “ come è stato istituito dalla Chiesa Cattolica Romana .

CHE COSA SIGNIFICANO REALMENTE I DUE PASSI

 

1 ) “ .. LE COSE CHE AVRETE LEGATE SULLA TERRA ,      

     SARANNO LEGATE NEL CIELO , E TUTTE LE COSE CHE    

     SCIOGLIERETE SULLA TERRA SARANNO SCIOLTE NEL

     CIELO “  ( Matteo 18:18 )

 

Non si deve staccare questo passo dal suo contesto , cioè i versetti 15 a 18 Se tuo fratello ha peccato contro di te ,va e convincilo ( riprendilo ) fra te e lui solo , se ti ascolta , avrai guadagnato tuo fratello , ma se non ti ascolta prendi con te ancora una o due persone , affinché ogni parola sia confermata per bocca di due o tre testimoni , se rifiuta d’ascoltarli , dillo alla chiesa , se rifiuta d’ascoltare anche la chiesa , sia come il pagano e il pubblicano “  ( Matteo 18: 15 a 17 )

 

 

Quando un fratello ha commesso un peccato contro un altro fratello , questi è tenuto , a confessargli il suo peccato e l’offeso è esortato a perdonarlo ( sciogliere : come in terra sarà fatto anche in cielo )

Ma se il fratello che ha peccato si ostina a confessare il suo peccato , non sarà perdonato ( legato: come in terra sarà fatto anche nel cielo )

Nota : sia come il pagano e il pubblicano : cioè peccatori .

2 ) “Allora Gesù disse di nuovo ” pace a voi, come il Padre mi ha  

       mandato ,anch’io mando voi” , detto questo soffiò su di loro e

disse” Ricevete lo Spirito Santo   a chi perdonerete i peccati saranno perdonati a chi li riterrete , saranno ritenuti “ ( Giovanni 20:21 a 23 )

 

Come abbiamo detto sopra , Gesù stava parlando con i suoi discepoli :

Nel Vangelo di Luca cap. 24 versetto dal 33 al 48 , Gesù appare agli undici apostoli , e nel versetto 46 e 47 Gesù dice loro “ Così è scritto , che il Cristo avrebbe sofferto e sarebbe risorto dai morti il terzo giorno  e che nel Suo nome si sarebbe predicato il ravvedimento per il perdono dei peccati a tutte le genti , cominciando da Gerusalemme , voi siete testimoni di queste cose “

 

Ai discepoli è affidato l’annuncio della remissione dei peccati , attraverso la predicazione del vangelo , l’annuncio è che i peccati possono essere sciolti cioè perdonati  a chi accetta Gesù come Personale Salvatore , ma saranno ritenuti , non perdonati , a chi non lo accetterà , infatti la Bibbia dichiara :

 

“ Di lui ( Gesù ) attestano i profeti che chiunque crede in Lui riceve il perdono dei peccati , mediante il suo nome “ ( Atti 10:43 )

 

“ Chi avrà creduto e sarà battezzato , sarà salvato , ma chi non avrà creduto , sarà condannato “ ( Marco 16:16 )

 

Non erano quindi gli apostoli che perdonavano o ritenevano i peccati , ma era la Potenza del Vangelo , che nel nome di Gesù venivano perdonati , oggi è uguale : solo nel Nome di Cristo e per il Suo Sangue c’è il perdono , se lo accetti , Dio cancellerà il tuo peccato dal tuo cuore e scriverà il tuo nome nel Libro della vita che è in cielo , ma se non lo accetti , il tuo peccato resterà nella tua vita , e il tuo nome verrà scritto nel Libro del Giudizio che è in cielo :

                 questo vuol dire sciogliere o legare

I PADRI DELLA CHIESA CONTRO LA CONFESSIONE  

                            AURICOLARE   

 

Nei primi due secoli non c’è traccia , nella letteratura cristiana , di un potere sacerdotale , con l’autorità di perdonare i peccati .

Il primo a mettere avanti l’autorità del ministro di culto , di perdonare i peccati è Callisto nel  terzo secolo . Ma protestano vigorosamente contro di lui Ippolito, nei Filosofumena ( IX-12 ) e Tertulliano

( De pudicizia , XXI ) .

S. Cipriano dichiara : “ Nessuno s’inganni solo il Signore può perdonare ; solo Lui che portò i nostri peccati , che soffrì per noi ; che Dio diede per i nostri peccati “

 

Anche S. Girolamo ( commento a Matteo XVI , 19 ) dice :” I vescovi e

i presbiteri non comprendendo questo passo, uguagliano l’arroganza dei Farisei , presumendo di poter condannare gli innocenti o di assolvere i rei ( colpevoli ) , mentre Dio tiene conto della vita dei peccatori e della sentenza dei sacerdoti

Caro amico desidero comunicarti che solo in Gesù c’è il perdono , vai alla croce confessa il tuo peccato , accetta il suo sacrificio che ha fatto per te e sarai salvato !

Dio ti Benedica .

 

Comments are closed.